sabato 27 dicembre 2014

Maratona: Canova su Baldini.


   Ricordo bene quella mattina... nel volley il Brasile aveva appena battuto l'Italia in finale e la città era esplosa in un boato. I brasiliani non sono "sportivi", seguono solo gli sport in cui possono vincere, vogliono vincere identificandosi nei loro eroi, gli altri sport non esistono, la bellezza dell'Uomo che compie gesta esplorando i limiti della sua potenza, a prescindere da specialità e nazionalità, a loro non interessa. Sono nazionalisti compulsivi. Ed è un atteggiamento che non approvo.
   Così, devo confessarlo, godetti particolarmente della vittoria di Baldini e dell'"attacco" subito dal brasiliano Vanderlei De Lima... mi spiego, mi dispiacque moltissimo per l'atleta ma fu una mia personale vendetta ideale contro l'assenza di sportività del popolo brasiliano... rosicarono alla grande, ahah!
   De Lima comunque sarebbe stato preso anche senza l'"attacco" del pazzo, al 30°km il suo vantaggio era 48" mentre al 35° soli 28". De Lima fu l'unico brasiliano che non rosicò, sapeva che avrebbe perso comunque.

   Ad agosto di quest'anno, dopo la vittoria di Meucci agli europei, nel forum del sito americano "Letsrun" appare una discussione su Meucci cui partecipa anche gente del calibro di Renato Canova e Antonio Cabral, famoso allenatore portoghese. Renato è un grande, uno che ci mette la faccia, uno che "parla", uno che "si abbassa" a dibattere coi comuni mortali sui forum... mica come le nostre "eminenze" intoccabili che rimangono nel loro olimpo.
   E, come dovrebbe essere in ogni buon forum, da cosa nasce cosa, la discussione prende direzioni inaspettate (e interessantissime), si va Off Topic, si litiga pure (arrivano agli insulti, ahah!) e NESSUNO si azzarda a moderare o bannare... in certi forum italiani avremmo avuto Canova e Cabral bannati, pensate un po', si sarebbe preferito sacrificare il bagaglio di succulente informazioni che certi personaggi possono offrire in nome della "morale" o del gusto sadico di azzittire la gente di certi "Robespierre de noantri"... paese di peracottari prossimo al default.

   Improvvisamente Canova lancia la bomba atomica, secondo lui il giorno della maratona olimpica Baldini valeva 2h04 ("se" il clima fosse stato ideale, "se" il percorso fosse stato ideale, "se"...), allora record mondiale. Il suo raziocinio è basato:
 - su dati del test di Faraggiana-Gigliotti che riportava in quel momento un passo di 2'57 per le 2mmol di lattato (la "soglia aerobica" che secondo alcuni corrisponde al ritmo maratona)
 - sul fatto che il test in passato dette dei valori corrispondenti al passo effettivamente tenuto da Baldini in alcune maratone (ma Canova non riporta i dati di tutte le maratone)
 - sulla considerazione che la Fidal ci tiene a presentare i suoi atleti di punta ai campionati al massimo della forma
 - sull'idea che Baldini facesse le maratone fuori dai campionati, quelle coi crono migliori, non al massimo della forma ma soprattutto per fatturare dollars.
   Ma alcuni utenti non concordano, soprattutto uno fa presente a Canova che se Baldini quel giorno valeva 2h04, anche gli atleti che gli sono arrivati a ridosso valevano temponi... possibile che nessuno di questi in nessuna maratona avesse mai fatto meglio di 2h08?
   Vediamo la classifica:

 - Baldini 2h10'55
 - Keflezighi 2h11'29
 - De Lima 2h12'11 (senza attacco avrebbe fatto vicino a Kefle)
 - Brown 2h12'26

   Kefle ha fatto un mare di maratone, mai meglio di 2h09'08 e nel 2004 poi corse a New York in 2h09'53. Forse valeva un ideale 2h07-2h08?
   De Lima personal best vecchio di 2h08'31, nel 2004 stagionale di 2h09'39, anche lui tante maratone all'attivo.
   Brown in quel momento personal best di 2h09'44, poi limato di poco l'anno successivo.
   Insomma, se Baldini valeva 2h04, questi valevano 2h05-2h06... possibile che nessuno l'abbia mai fatto?
   Poi la considerazione sulla Fidal che porta la gente ai campionati alla massima forma... mah... mi pare che accada molto di rado.
   Che vi devo dire... con i "se" e con i "ma" la scienza non si fa... fa pure rima.

36 commenti:

  1. Ci vuoi proprio stimolare biricchino...
    Sulla non sportivita` credo che gli italiani siano ai vertici mondiali, campioni di "tifo contro", gente che scopre l'esistenza stessa di alcuni sport solo quando un italiano vince qualcosa alle olimpiadi o ai mondiali. Non saprei dire se in questa gara al contrario siamo peggio dei brasiliani, ma sicuramente ce la battiamo...
    Quel giorno, ad esempio, eravamo tutti maratoneti... in quei giorni eravamo anche tiratori di scherma, nuotatori, pallavolisti (fino alla sconfitta con il brasile)...
    Baldini valeva 2h04 quel giorno? E' il classico gioco dei "se" e dei "ma" in cui noi italiani siamo ancora una volta campioni, ogni domenica si consumano gare violente di questo gioco nel commento al campionato di calcio! Se l'arbitro non fosse stato comprato...ma mancava il giocatore tizio...che tristezza!
    A me piace poco questo gioco perche` il risultato e` indeterminabile e vincere una medaglia o battere un record sulla carta comunque non vale.
    Da podista ed appassionato di corsa e di sport preferisco godere dell'informazione che Canova ritiene utile il test di Farragina-Gigliotti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. se ti fidi, i brasiliani sono peggio di noi in a-sportività, anzi, ci farò un post "antropologico".
      circa i se e i ma, si chiama "indulgenzite", si è sempre migliori di quello che dicono i numeri. oh, a volte ci sono motivi validi per indulgere eh... ma i numeri sono ciò che conta.
      comunque io non credo molto nei test e non credo che baldini valesse 2h04, anche per un motivo economico: se fai il WR i tuoi cachet si moltiplicano x5, se sei pure bianco poi, figurati!
      comunque lo stesso baldini ha pubblicato le tabelle di avvicinamento ad atene e francamente 2'57 mi pare proprio utopia.

      Elimina
    2. Per me Baldini è un grande. Credo che abbia saputo valorizzare al massimo il suo talento atletico, sia in termini di risultati che economici. Ha saputo anche investire su se stesso per costruirsi un futuro post-agonistico. Oggi è direttore tecnico del settore giovanile FIDAL, testimonial dell'asics, scrittore... vende benissimo la sua immagine e la sua esperienza.
      Da atleta credo abbia fatto la scelta di puntare ai titoli piuttosto che ai record (che comunque a livello italiano sono arrivati), programmando minuziosamente l'attività. Il titolo olimpico ad Atene rimarrà nella storia, i record si dimenticano (chi scambierebbe la carriera di Khannouchi, due volte primatista mondiale, con quella di Baldini?) per farli poi o devi essere un "mostro" (Tergat, Gebrselassie, forse prossimamente Bekele) o devi trovare condizioni perfette, oppure entrambe le cose.
      Forse Baldini non valeva 2h04, forse non avrebbe mai potuto fare WR, non lo sapremo mai, ma sicuramente è un mito sportivo e non solo in Italia.

      Elimina
    3. mah, se (in generale) vale di più un WR o una vittoria importante non lo so. ma ti dico che se IO valessi il wr lo farei, non sprecherei questa possibilità.
      poi IO personalmente ricordo più i wr che le vittorie olimpiche. e fiasconaro lo ricordiamo al pari di baldini, anche se non vinse nulla.
      certamente baldini è stato abile in molte cose (sulla gestione dei giovani vedremo... ce n'è in mezzo uno che mi sta particolarmente a cuore), l'unica cosa in cui difetta è nel fare tabelle per i master :)

      Elimina
    4. tu ed io non valiamo.. ;-)
      Fiasconaro (al quale secondo me andrebbe intitolata una via in ogni città d'Italia) purtroppo non credo che sia così ricordato nemmeno tra gli "addetti ai lavori", ma spero di sbagliarmi.

      Elimina
    5. gli addetti lo ricordano eccome. poi erano altri tempi... pensa se un italiano facesse ora il wr degli 800...
      fino agli anni 80 abbiamo sempre avuto italiani al wr in qualche specialità... accadrà mai più?

      Elimina
    6. La vedo dura oggi... temo serva una cosiddetta botta di culo :-)

      Elimina
    7. avremmo dovuto naturalizzare bolt!
      ah no... con allenatori italiani avrebbe fatto 10.58, ahah!

      Elimina
  2. Comunque la foto dell'arrivo di Baldini ad Atene sulla pista nera mi emoziona come poche altre

    RispondiElimina
  3. Sono tutt'altro che esperto, ma 10 secondi in meno al km sono un'eternita'.
    Avesse fatto 2h06-2h07 allora forse potremmo parlarne...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. c'è da dire che era caldo e il profilo altimetrico non era piatto, dal km 18 al 31 si saliva di 180m (1.4%) per poi discendere... ma allora se guardiamo il profilo della maratona degli europei di zurigo pure meucci vale il WR? zurigo aveva 4 salitacce al 9% per un totale di 164 metri di dislivello...

      http://www.coolrunning.com/engine/moxiepix/b2_3308.jpg

      Elimina
  4. Nella mia regione si dice: i se e il ma sono de'bischeri (proverbio di strada)

    Voglio spararla, con i buoni propositi (meteo, percorso) un minuto meno. Molto lontano dal 2.04' pronosticato, magari con dati alla mano di analisi di laboratorio potrei rivalutare il mio pensiero.

    Quanto a sportività ricordo la maglia rosa, il russo Menciov cadere alla crono finale a Milano con un boata degno di nota, neanche al Bernabeu.

    Credo cmq al nazionalismo brasiliano, tutto il mondo è paese.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. guarda... qua dicono in continuazione "deus è brasileiro", ho detto tutto.
      e se vuoi morire crivellato di colpi digli che maradon'è mej'e pelè :))
      e mettono pure il CHECIAPP sugli spaghetti...

      Elimina
    2. Maradona E' mej'e pelè.

      Elimina
    3. pure per me, ci immoliamo insieme?

      Elimina
    4. vai avanti tu che sei già sul posto ;-)

      Elimina
    5. vabbè, ma se vado all'inferno dico a lucifero di mandarti al diavolo :))

      Elimina
  5. Ero al mare a Creta nell'Agosto 2004 e Baldini, Brugnetti e nel ciclismo Bettini ci diedero una bella soddisfazione.
    Ho sentito parlare Canova qualche anno fa, persona simpatica, competente e con un'esperienza incredibile. Lo considero un "visionario" non nel senso che viene dato qui ma come viene intesoall'estero, cioè di colui che ha un intuito particolare e che è un po' più avanti rispetto gli altri. Quindi, sulla fiducia,considero la sua frase riguardo Baldini come una cosa verosimile.
    Tra poco vedremo anche se una sua previsione si realizzerà. Ci sarà Bekele alla maratona di Dubai, allenato da Canova. Per lui ha pronosticato un tempone...

    RispondiElimina
  6. Qualche tempo fa lessi che Canova ritiene Bekele il maratoneta ideale e che alla terza maratona avrebbe fatto il record mondiale. Bekele ha detto che a Dubai gli piacerebbe battere il tempo di Gebresselasie. Quindi le aspettative sul risultato di questa maratona sono molte. Vedremo...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. facile che ci riesca, visto l'esordio a parigi in 2h05'03...
      canova è uno dei pochi che stimo, anche per i modi comunicativi (ma su sta questione di baldini non concordo).
      ricordo una sua uscita di 15 anni fa su albanesi: "ma questo chi c...o è????", ahah!

      Elimina
    2. Why now in Italy Albanesi is so popular between runners?

      I remember last time I came in Italy (2002) everybody was like "We don't like Albanesi, Albanesi go back to Albania, Albanesi are dirty..."

      Now I see a lot of runners following them. Didn't see so many strong Albanesi runners to justify this

      Elimina
    3. the next "coach" more successful will be "Roberto Senegalesi", ihihih!

      Elimina
    4. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

      Elimina
  7. Great post!
    One thing you may want to note is that Tergat was holder of WR at that time.
    Go check the last km of that race. You may be surprised.

    Had Baldini ran that Berlin Marathon in Athens shape, would have he beaten Tergat? Or at least Tergat's PACER?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ronnie,
      in Sgurgola Marsicana we say "una rondine non fa primavera"...
      (do you know the famous "sgurgola marsicana institute of technology"!)

      Elimina
  8. per quel giorno di Baldini parlano gli ultimi 7 km a 2'48". che potesse fare un tempone appena sopra i 2h05'.. possibilissimo!
    che gli altri siano andati realmente forte non ci sono dubbi, è stata una grande maratona.
    Diciamo che è meglio aver corso in quel modo ad Atene piuttosto che in un'anonima Berlino

    RispondiElimina
    Risposte
    1. fu una maratona divertentissima, col brasiliano in fuga solitaria e i dobermann dietro a inseguire, come nelle classiche ciclistiche dei tempi eroici!
      ok gli ultimi km a 2'48... però era discesa eh...

      Elimina
  9. Questa è la presentazione di Gigliotti che racconta l'impresa. In effetti Baldini sembrava molto in forma.
    http://www.sportinlinea.it/baldini/volpi/relazione%20gigliotti.pdf

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ma che mi leggi nel pensiero? i dati di quel pdf saranno l'oggetto del prossimo post. comunque fate bene a postare cose del genere, i numeri sono sempre i benvenuti!

      Elimina
    2. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

      Elimina
    3. C'è molto materiale interessante in quel pdf, compreso il confronto tra Londra e Atene. Sono contento che verrà analizzato dal corsaro e dalla ciurma!

      Elimina
    4. io lo scaricai nel 2009...

      Elimina
  10. Ho una curiosità sull'ordine di arrivo della maratona. Intervistato a caldo, uno dei tecnici italiani presenti dichiarò che senza l'intervento del predicatore folle Baldini non avrebbe superato il brasiliano. Gli si sarebbe avvicinato molto ma senza superarlo. Errore di valutazione a caldo o cosa?
    Andrea

    RispondiElimina
    Risposte
    1. per me lo avrebbe superato lo stesso e infatti il brasiliano all'arrivo non recriminò affatto

      Elimina