domenica 27 marzo 2016

Scarti 5000 - 10000m: aggiornamento.


   Riporto i dati raccolti negli articoli fatti a gennaio:

PB ELITE MONDIALI (40 casi, prestazioni sui 10000m da 26'17 a 26'49):
media 7.9

PB AMATORI MIEI (10 casi, da 33' a 43'):
media 7.9

SB AMATORI MM35 (25 casi, da 30' a 34')
media 7.2

SB AMATORI MM50 (21 casi, da 34' a 37')
media 8.2

   Ho fatto una ricerca abbastanza monumentale sul forum più grosso che c'è, mi sono letto centinaia di pagine prendendo i PB che gli utenti scrivono in firma. Ovviamente non ho potuto leggere tutto il forum e qualcuno mi sarà scappato, ma credo che i dati raccolti siano significativi visto che al 15° dato raccolto la media era già stabilizzata e praticamente uguale a quella finale.
   Ho escluso tempi oltre 50' sui 10km, o fatti in allenamento, o fatti come passaggi in altre gare.

spuffy 15'33 32'49 +10
full64 16'09 33'02 +4
aroldo 17'55 36'46 +6
moremio 17'57 36'40 +5
madferit 18'04 37'52 +10
luca87 18'29 38'09 +7
alex76 18'34 37'57 +5
daniloge 18'35 41'03 +23
amj78 18'32 37'11 +1
tafaz 18'39 38'52 +9
giova77 18'49 37'44 +1
gravity 18'49 38'45 +7
lordphil 18'58 39'26 +9
madseason 18'59 40'28 +15
simoc 19'10 39'26 +7
alor 19'27 39'55 +6
akiramax 19'29 39'36 +4
bark 19'38 39'39 +2

zecca 19'51 42'20 +16
antataz 20'13 41'50 +8
panormitanus 20'13 41'13 +5
pwm 20'14 41'14 +5
giusverzi 20'23 41'30 +4
alessiove80 20'38 42'02 +5
ale73 20'38 42'17 +6
whitwwolf 21'00 42'40 +4
ienaplinsky 21'23 45'19 +15
alemarconi 21'39 43'14 +0
victor76 21'51 45'17 +9
olivar 22'08 46'46 +1
falcopellegrino 22'24 46'50 +12
ale13474 22'40 46'40 +8
carloR 22'51 46'20 +4
kitt 23'15 47'44 +7
migliocri 23'16 47'30 +6
mod71 23'40 47'55 +3

su 36 soggetti: media 7.55
primi 18: media 7.27
ultimi 18: media 7.83

   Mi pare che i dati confermino in pieno quelli precedenti, sia degli elite che dei master.
   Allora? Dove sarebbe il famigerato aumento dello scarto al peggiorare delle prestazioni, riportato da certi "guru" famosi?



27 commenti:

  1. In effetti la cosa un po' mi sorprende perchè anche io avrei pensato ad un aumento dello scarto al peggiorare della prestazione. Forse solo nel caso di runner ancora più lenti ci può essere un aumento dello scarto. Ma a quel punto si parla probabilmente di farcela a correre bene per 5 km e far fatica ad arrivare a farne 10...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. e mo' chi glielo dice a pizzolato?

      Elimina
  2. Quite massive job dude.
    Congratulations!

    RispondiElimina
  3. Non so quanto possa valere, ma molte di quelle persone in elenco, le conosco anche personalmente, non solo come frequentatore del forum. Devo dire che molti scarti fuori standard sono dati da: a)mancanza di gare sui 10000, interpretazioni di risultati fatti dal garmin. Nel caso reale il differenziale è molto più vicino ai 7-8 secondi di cui parli tu. Ad esempio, io sono quello che ha lo scarto più largo, ma solo perché non mi è capitata una 10k vera da fare tirata da parecchio. Se considero il periodo in cui ho fatto il tempo sui 5000, secondo me valevo un tempo che mi portava ad avere un differenziale non di 23s, ma di 10-12s. So che il divario è comunque più alto della norma, ma questo conferma l'analisi viste le mie caratteristiche.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. hai visto che ti ho dato il tuo minuto di fama? ahah!
      sì, lo so bene del perchè del tuo scarto "straordinario"... però c'è anche gente con straordinarietà di verso opposto (0, +1, +2) e alla fine le cose si equilibrano.
      io ho preso TUTTI i dati che ho incontrato, fregandomene di ulteriori considerazioni.

      Elimina
  4. In linea di massima è tutta gente che prepara 10k o mezze, quindi nnon mi aspetto assolutamente un divario maggiore, anzi io mi aspetterei un divario minore.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. beh, lo scopo di questi miei articoli era quello di scardinare la fiducia nei confronti di certe "eminenze" che, per lo stesso tipo di gente, riporta scarti del tipo:

      un atleta da 34'39'' sui 10k ha uno scarto 5/10 di 9
      un atleta da 40'31'' sui 10k ha uno scarto 5/10 di 10
      un atleta da 45'48'' sui 10k ha uno scarto 5/10 di 12

      eminenze che manco sanno leggere i dati degli stessi atleti (centinaia) da loro allenati...

      Elimina
  5. considerate le basse velocità di noi amatori 10"-12" sono effettivamente troppi, oppure persone che non preparano la distanza e quindi declinano rapidamente
    Zedemel

    RispondiElimina
  6. Qualcuno però ha toccato un punto, secondo me interessante,
    L'amatore medio non è quasi mai mezzofondista, si prepara per gare quali mezza o maratona. In tale contesto lo scarto tra 5000 e 10000 mi pare naturale sia contenuto perchè, pur dotato di resistenza, non ha una gran velocitá. Insomma, il suo delta di velocitá è contenuto.
    Poi aggiungerei che quasi mai ci sono amatori specializzati sui 5000m, ma avendo più una filosofia del "ndo cojo, cojo" tende ad appiattire le sue performance. Sostanzialmente, l'amatore medio è più resistente che veloce, per cui il suo scarto tra 5 e 10000m è contenuto.
    Mi rendo conto che le mie sono considerazioni fatte alla bruttezza ma non credo siano del tutto errate

    RispondiElimina
  7. Faccio notare un particolare di, secondo me, non poco conto.
    Più' si esaminano prestazioni elevate (indipendentemente dalla specialita') più probabilmente ci si ritroverà di fronte ad atleti specializzati in quella determinata disciplina.
    Più la prestazione e' scadente (a parità di eta', tempo di allenarsi, ambiente familiare ecc) meno l'atleta è specializzato.
    L'amatore è solitamente poco specializzato.
    Quindi non ha senso fare un raffronto degli scarti tra 5.000 e 10.000 in generale, ma bisogna farlo solo limitatamente a quegli atleti che si preparano in via privilegiata per quel tipo di gare, in quel modo si potrà realmente mettere in relazione le 2 distanze.
    La mia teoria è la seguente: agiscono 2 forze in direzioni opposte. Più la prestazione sui 10000m è scadente più ci dovrebbe essere scarto ampio tra le 2 distanze, d'altra parte, però, il fatto che l'atleta con un alto tempo sui 10000 sarà probabilmente poco specializzato, determinerà un generale appiattimento delle prestazioni sulle varie distanze.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. io sorvolo tutte ste considerazioni (magari sensate).
      i FATTI sono 2:
      - lo scarto è quello, sia per elite (specializzati) che per amatori
      - chi dice che lo scarto dovrebbe aumentare al peggiorare della prestazione ha torto.
      era solo questo il mio intento.

      Elimina
    2. Sì d'accordo, però, una volta che si è appurato che una cosa succede, non è anche importante capire perchè succede?

      Elimina
    3. Penso che lui li intenda come riferimenti per allenatori.
      Poi che ci sia questa corrispondenza di valori è una coincidenza. In realtà l'amatore è peggio perchè stiamo parlando di velocità molto inferiori.
      Zedemel

      Elimina
  8. 5000 e 10000 sono piuttosto simili come tipo di sforzo è solo questione di andare un filino più piano per arrivarci in fondo. Dove lo scadimento di prestazione è più ampio è nelle distanze sempre più lunghe dove anche la preparazione si fa più impegnativa, per cui gli scarti possono essere molto più variabili
    Zedemel

    RispondiElimina
  9. Edoardo EastLondoner29 marzo 2016 16:55

    Corsaro,

    Ora che sappiamo che la storia degli scarti e' sbagliata, come bisognerebbe cambiare gli allenamenti?

    Immagino che le "eminenze" abbiano impostato allenamenti che partono dall'ipotesi di scarti crescenti; in cosa differenziano I tuoi, che invece partono dal fatto che gli scarti rimangono uguali?

    Grazie,
    Edoardo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. scendendo nella realtà dei singoli bisogna distinguere se uno è "resistente" (e allora si lavora su scarti ipotetici bassi) o "veloce" (e allora si fa il contrario).

      Elimina
  10. Io nei 5000 metri ho un personale Master, quando gareggiavo tra gli MM40, di 19'18"; mentre nei 10000 metri ho 41'15", stabilito sempre tra gli MM40. Lascio perdere i primati assoluti stabiliti sotto i 30 anni, in quanto qua stiamo parlando di amatori.
    19'18" sono una media di 3'52" al km.; mentre 41'15" sono una media di 4'07"5 al km.. Conseguentemente, nel mio caso c'è un differenziale di 15"5 tra 5000 e 10000. In pratica passavo dai 3'52" al km. nei 5000 metri ai 4'07"5 al km. nei 10000 metri, un differenziale ben maggiore di 7" al km. Comunque io sono un master atipico, rendo meglio nel mezzofondo veloce piuttosto che in quello prolungato, inoltre non sono un grande macinatore di chilometri come la stragrande maggioranza dei runner, conseguentemente maggiore è la distanza, maggiore è il calo di velocità

    RispondiElimina
  11. Ahahha...mi tocca fare un 5000 per verificare la bontà del tuo studio... :)

    RispondiElimina
  12. Però tra mezza e maratona penso sia vero che lo scarto aumenti con il peggioramento dei tempi. O neanche qui?!!!

    RispondiElimina
  13. Tra mezza e maratona, per quest'ultima entra in gioco, per farla al top, una mole di allenamento per cui lo scarto aumenta inevitabilmente. Un élite può scartare attorno ai 10 secondi. Difficile vederlo tra gli amatori.
    Zedemel

    RispondiElimina
  14. Uno scarto "medio" per un amatore tra mezza e Mara quale potrebbe essere 30"?
    Alberto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grosso modo sì.
      un gruppo di 14 albanesiani su "un forum" ha 31.
      i miei hanno media 22, il terzile dei più forti (sub 3h08) ha 13.

      Elimina
  15. mi sa che la media è pure superiore a 30...

    RispondiElimina