mercoledì 14 dicembre 2016

Marathon: breaking2


   Che ne dite se mi metto a fare i titoli degli articoli in inglese? No, perchè ormai l'80% delle visite al blog viene dall'estero, soprattutto USA e RUSSIA (oddio, non vorrei essere diventato l'ago della bilancia della rinnovata guerra fredda! Non mi chiamo mica Fidel, ahah!)... mentre gli italiani forse sono irritati dalle mie lotte contro certe religioni alla moda (minimaletica, cuoretica, dietetica...). E mi perdonino gli amici russi se non conosco il russo e non ho la tastiera in cirillico.

   E così "La ditta" se n'esce con un'iniziativa senza precedenti: fare di tutto per rompere la barriera delle 2h in maratona:

http://news.nike.com/news/2-hour-marathon

   L'attuale record mondiale di Kimetto è 2h02'57 (2'54.8), quello sulla mezza di Tadese è 58'23 (2'46.0), quello sui 10000 di Bekele è 26'17.53 (2'37.7). Gli scarti sul passo sono di 8.8" e 8.3". Occorre un passo di 2'50.6 per rompere la barriera delle 2h in maratona, 4.2"/km meglio di quanto di meglio fatto finora.      Ovviamente prendendo atleti super specializzati nella maratona è possibile avere uno scarto mezza-maratona inferiore a quello esistente fra i due WR. Ad esempio Kimetto (59'14) ha 6.4, Kipchoge (59'25) ha 6.0. Ma comunque, supponendo di schiacciare lo scarto a 5, ci vuole sempre un atleta che contemporaneamente valga il WR nella mezzamaratona. Molto molto difficile ma non impossibile.

   Ci riusciranno? Non ci riusciranno? E' un progetto serio? E' una trovata pubblicitaria? Devo comprare azioni di farmaceutiche che fabbricano medicamenti antiasmatici? Boh, vedremo... voi che ne pensate?

   Comunque (opinione personalissima) mi fa piacere che qualcuno punti ancora alla GRANDE IMPRESA, al WR, in un momento in cui la IAAF sta rivoluzionando la Diamond League in direzione opposta, sempre più volta a cercare spettacolo solo nella vittoria, nella competizione uomo contro uomo e non uomo contro UNIVERSO, fregandosene delle prestazioni cronometriche, sempre più volta a trasformare il circo dell'atletica in una sottospecie di Formula Uno. Una immane rottura di coglioni insomma. Oggi vince uno, domani un altro e tra qualche mese ci siamo scordati tutto... invece un WR rimane scolpito nella STORIA.    Una vittoria significa "oggi sono stato il più forte dei presenti", un WR significa "sono il più forte di ogni essere umano che ha calpestato finora il pianeta"!!!

P.s.: purtroppo "la ditta" non mi dà manco una dracma bucata pe' sto spottone pubblicitario, mannagggggg... dittaaaaa!!! Anche i corsari devono magnà, ahah!



77 commenti:

  1. Dico la mia. L'iniziativa mi piace moltissimo e sono felice che qualcuno provi ad accelerare i tempi per rompere una barriera colossale come le 2h in maratona. Se fossi nella Nike o in una altra azienda farei una cosa simile per i 10.000, che ne so, dare un premio di 500.000 euro al primo uomo capace di scendere sotto i 26'. Se fossi al posto della IAAF farei un qualcosa legato al tempo trascorso dall'ultima volta che è stato battuto un WR. Se normalmente danno 75.000 dollari(ricordo questa cifra, può essere che sia diversa)per ogni WR, trascorsi 5/10 anni(o un qualsiasi altro numero di anni scelto arbitrariamente) aumenterei il premio a 250.000/300.000 o qualsiasi altra cifra sostanzialmente più grossa della prima standard.Che io sappia però, esiste un altro progetto analogo che coinvolge IL FONDISTA. Devo dire il nome, devo proprio. Dico solo il nome appunto..Kenenisa.

    Link al progetto SUB2hr:
    http://www.sub2hrs.com/

    RispondiElimina
    Risposte
    1. infatti io lo farei anche per specialità diverse dalla maratona

      Elimina
  2. Anch'io dico la mia. L'iniziativa non mi piace. A me rompono i coglioni le gare costruite per i record, con un atleta che corre affiancato non dagli avversari, ma da lepri che lo devono aiutare a non sentire la fatica o lo stress di una finta competizione.
    E' vero, i record rimangono negli annali, ma si dimenticano molto di più delle vittorie nelle gare importanti. Nella storia e nella memoria collettiva si stampano soprattutto i campioni, tanto più intensamente quanto più memorabili sono le gare che hanno vinto.
    Potendo scegliere tra la carriera di un Baldini e quella di un Khannouchi, quanti atleti sceglierebbero quella dell'italiano e quanti quella del marocchino?
    Io non ho dubbi: meglio le vittorie che i record.
    De gustibus...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. infatti tu ami il tennis e io lo odio, ahahah!

      Elimina
  3. Bekele ha fatto l'ultimo paio di km della maratona a 2'50", certo 42 son 42.
    Mettendo insieme un atleta fortissimo in condizioni ideali (temperatura, umidità, altitudine, insolazione) è dura ma non impossibile.
    Zedemel

    RispondiElimina
    Risposte
    1. pensa che sòla se preparano tutto a puntino, a londra o berlino, e viene giù un nubifragio :))

      Elimina
    2. Secondo me dovrebbero organizzare un evento ad hoc, con una finestra di tentativi (tipo record dell'ora in bici o redbull stratos).
      Un progetto del genere deve ottimizzare allo spasimo.
      Tipo un anello piatto di 5-10km con pochissime e ampie curve, altitudine elevata ma non troppo (tipo 600-800m??? ), aspettare la giornata ideale (fresca e coperta).
      Per fare 2h a Londra o Berlino forse occorre un atleta che deve ancora arrivare tra noi.
      Zedemel

      Elimina
  4. Naa il 2h è impossibile l'anno prossimo e pure tra 15anni secondo me...
    Basta vedere quanti riescono a, fare la mezza in meno di 60 ... sono gia una cerchia estremamente ristretta di atleti
    Impensabile a breve anzi brevissimo termine che uno di loro riesca a farne 2 di fila

    RispondiElimina
    Risposte
    1. io non ho dato scadenze.
      15 anni fa il wr di kannouchi era 2h05'42, a 2'45 da quello odierno.
      wr odierno che già avrebbe potuto essere battuto a londra se kipchoge avesse dato un'occhiata al cronometro un po' prima invece di giocare col pubblico.
      per cui entro 15 anni le 2h penso siano possibilissime.

      Elimina
  5. L'unico vantaggio che dovrebbero dare le lepri in una gara è quello di mantenere il ritmo corretto già dal primo metro e per una frazione della gara. Gli altri atleti che devono stare attaccati alle lepri devono farlo con le proprie forze, mica la lepre li tira con una fune!:-)In più, rispetto al ciclismo, l'effetto scia non è cosi importante. A chi in allenamento non è capitato di voler correre le ripetute o un medio con altri?Per caso dal punto di vista fisico siete stati avvantaggiati? Non credo. Mentalmente si, lo sforzo diventa leggermente meno rilevante.Ma in ogni caso avete corso con le vostre gambe e corpo. Non dimentichiamoci che questi atleti hanno una resistenza alla velocità mostruosa,in questo caso intendo la perdità di velocità minima passando dai 10 ai 42. Io spero e sono convinto che ci riusciranno. Di sicuro Bekele degli anni 2008/2009 se non avesse avuto acciacchi con due tre anni di allenamentici sarebbe riuscito.Cosi come sono convinto di altre due cose : 1)Bekele nel periodo d'oro su pista e senza infortuni avrebbe potuto fare 25'40''/25'50'' nei 10.000 2) il prossimo anno Bekele correrà la maratona in 2h02'10''/2h02'15'' anche in una gara da solo. Il generale il record potrà scendere sotto le 2h02' già il prossimo anno, Bekele&Kipsang&Kipchoge hanno quel tempo nelle gambe,se il trio correrà nella stessa gara impostandola in modo intelligente senza partenze folli come è successo a Londra in varie occasioni negli anni passati.
    Dobbiamo aggiungere una cosa a tutto questo discorso : tentativi di impresa straordinari richiedono verifiche antidoping straordinarie e molta trasparenza. Attualmente so di due progetti che stanno tendando di abbattere la barriera delle due ore, questo della Nike e Sub2 hours,con 4 atleti coinvolti. Bene, le ditte finanziatrici dovrebbero monitorare gli atleti ogni settimana e se possibile pubblicare gli esiti online. Solo cosi il progetto avrà la massima e piena riuscita e trasparenza.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. il fatto è che ormai la ditta domina la fed.americana e questa domina iaaf e wada. ormai dell'antidoping mi fido come mi fido della cupola di corleone :))

      Elimina
  6. IlCorsaro ha detto una cosa importante. Il record era molto più lento di ora a fine anni 90. Cosa è successo dal quel periodo in poi? Beh, di sicuro è successo qualcosa nei metodi di allenamento. Io ad esempio ho sentito dire, credo a Canova, che prima di allora nessuno facesse lunghi sveltissimi di 40 km ogni settimana. Da quel momento in poi hanno iniziato a farli in molti ed ecco che il record ha subito una accelerazione stratosferica con numerosi WR in successione in pochi anni(quasi ogni anno). Cosi come penso di aver capito che prima i maratoneti corressero mediamente un pò più di oggi ma qualificandoli di meno.Credo che sia la stessa cosa adesso con questi progetti. Il risultato "collaterale" sarà la nascita di nuovi metodi che faranno progredire ulteriormente il WR in maratona e a cascata daranno spunti anche per le altre distanze. IlCorsaro, correggimi se sto dicendo strunzate!:-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ... com'è bello vedere una maratona olimpica combattuta fino all'ultimo metro da atleti stremati dallo sforzo, dalle condizioni atmosferiche, dall'altimetria, dagli attacchi degli avversari...

      Elimina
    2. non sbagli. forse il prossimo passo sarà far diventare normali lunghi di 45-50km e ripetute 4x10000. anche correndo meno nei giorni easy.
      bisognerà porre più attenzione su rigenerazione, terapie, nutrizione.

      Elimina
    3. fabio, le stesse cose le possiamo vedere anche in tentativi di WR.
      i wr sono estremamente più rari delle vittorie e quindi per me valgono di più.

      Elimina
  7. Io ogni volta che vedo un WR penso "come si fa a batterlo"? Il WR è il massimo potenziale del più forte atleta del mondo in quella distanza.

    Quindi se dovessimo guardare al futuro come si dovrà procedere? Cioè i record di oggi sono migliori di quelli di 30 anni fa perché la tecnologia è più avanzata (esempio: un paio di scarpe da 20 euro di oggi sono più utili delle migliori scarpe in commercio di 30 anni fa) e i metodi di allenamento ormai sono stati studiati, sperimentati.
    Quindi, per fare un ulteriore WR cosa conta? Bisogna sperare in un ulteriore balzo della tecnologia (che brutto...), in un balzo in avanti dei metodi di allenamento (è ancora possibile?), oppure semplicemente bisogna attendere che nasca il nuovo ragazzo-prodigio che segue i metodi attuali?
    E' ovvio che tutte e tre le cose servono in maniera quasi uguale (allenamento conta tanto quanto talento quanto tecnologia -e quest'ultima include tutto.. abbigliamento, scarpe, ma anche tattica e preparazione alla gara), ma mi chiedo se i futuri WR saranno grazie ad uno sviluppo uniforme delle tre..


    Seconda cosa, se la Nike fosse furba organizzerebbe una gara 500 metri più corta e magia! Nuovo WR! :D :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. dovrebbe essere 1000 metri più corta...

      Elimina
    2. secondo me metodi d'allenamento, tecniche di rigenerazione e terapie possono ancora essere migliorati.

      Elimina
  8. 2'37 + 16" e un "Bekele" rivedrebbe il record, ma oltre ad una lepre avanti dovrebbe avere qualcuno che lo spinge dietro (o dentro);
    2'46 + 8" e un "Tadese" rivedrebbe anche lui il record...potrebbe essere uno che ottimizza meglio e quindi più accreditato a fare un 2'51, ma anche lì....


    Se raccogli scommesse, punto su trovata pubblicitaria pro farma... :-D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma dai Luc, realismo. Ammiro qnd parli di numeri e quindi assolute certezze pseudo scientifiche, e concordo con te, xche faccio lo stesso, di cercarmi gare tirate e non gare di parrocchia proprio per certificare tempi e non piazzamenti. Ma questa del record oltre pubblicità non ha i numeri...su! Dammi ragione :-D

      Elimina
    2. Perchè psedoscientifiche e perchè senza numeri secondo te?:-)

      Elimina
    3. Xche non c'è rilevanza scientifica in alcuni dati che fornisce Luc, ma rientrano nella sfera di "pratica dello sport" che trova fondamenti nella "teoria dello sport" ma non ancora dimostrata o avvallata dalla "scienza dello sport"; per cui quello che dimostra è assolutamente valida ma non ancora dimostrata. I numeri sulla prestazione under 2h, ha fatto i conti Luc e ho riproposto i conti arrotondati con gli scarti medi degli elite su un database di prestazioni registrate, quindi a meno di casi ultra particolari un atleta alla "tadese" deve scartare solo 4" a km tra mezza e maratona, cosa abbastanza improponibile, e come asserisce Luc, schiacciamo a 5" presumendo che la mezza cui detiene il record non sia ottimizzata o poteva essere tirata di più....ma la vedo dura, con i numeri di oggi

      Elimina
    4. zio, il mio "gomblottista" era ironico! ho scritto che è moooolto difficile. impossibile non lo scrivo proprio per amore alla scienza, mi dichiaro agnostico va :))

      Elimina
  9. perdonami ma qui dissento un po'...
    come ha detto sir Bradley wiggins ad elia viviani, un record è temporaneo l'oro olimpico per sempre (certo, parliamo di 5 cerchi e non di diamond League)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ti perdono :)
      ho premesso "opinione personalissima"... ero così anche quando gareggiavo: preferivo andare a gare dove c'era molta gente più forte di me, che mi tirava e mi faceva fare il tempo e arrivare 20°, che non andare a gare di pippe e vincere.
      è la mia indole materialista-scientifica che mi fa preferire confrontarmi con parametri assoluti (tempo) che relativi (avversari).

      Elimina
  10. Io la penso come IlCaliffo. Prendete Bekele e la Ayana. Sono i più forti in assoluto fra tutte le persone che si sono cimentate al massimo delle loro possibilità su 10.000m di corsa.
    Il fatto di vincere una gara alle olimpiadi ed ai mondiali può dipendere da chi è presente o assente quel giorno, cosi come accade anche alle gare locali o nazionali. Una considerazione che si allaccia al discorso relativo/assoluto. Dove era Mo Farah quando Bekele dominava in lungo ed in largo in pista e nei cross? Credo arrivasse sempre verso l'ottavo posto. Mentre Bekele a Londra 2016, anche dopo mille acciacchi ai tendini è arrivato quarto a soli 2'' da Mo Farah. Secondo voi è una coincidenza che Farah ha iniziato a vincere quando Bekele si è fatto male? Secondo me no.Potrei aggiungere altro su questa vicenda ma lascio perdere.Se Farah vuole essere considerato il più forte della storia sui 10.000 deve fare 26'17''52,altrimenti le sue medaglie saranno utili solo per collezione. Sarà uno dei più forti ma non il più forti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Siamo nel campo delle opinioni, quindi ognuno ha la sua e tutte sono rispettabili.
      La mia opinione l'ho già espressa, non ho nessun dubbio che valga di più un titolo olimpico che un "semplice" WR (ovviamente vale ancor di più un titolo olimpico con WR). Per me, nello sport, gli assenti hanno sempre torto.
      Occhio però a non mischiare troppo le cose... le classifiche di grandezza degli atleti nella storia sono un'altra cosa. Sono un gioco divertente fatto di "se" e di "ma" in cui nessuno può dimostrare davvero oggettivamente di avere ragione...

      Elimina
  11. Io adoro i record del mondo, però c'è anche da dire una cosa, che un giorno, neanche molto lontano credo, i record non si potranno più battere, anche perchè l'evoluzione dell'uomo è di centinaia di migliaia d'anni, non generazioni, per cui le medaglie avranno sempre un senso. Magari essere come Farah, mica è semplice essere al top ogni 2-4 anni quando serve, e non sbagliare un colpo. Pensiamo solo alla Pellegrini quante ne ha ciccate!
    Zedemel

    RispondiElimina
    Risposte
    1. il discorso di non poter confrontare direttamente due atleti mi ricorda i limiti di sport come tennis e calcio.E' vero che gli atleti del 2016 siano avvantaggiati rispetto a quelli del 1916.Ma un confronto fra atleti della stessa età come Bekele e Farah é super legittimo, cosi come fra atleti che si passano al massimo 10 anni come Bekele e Gebre. Discorso diverso se mi fate confrontare Bekele con Zatopek che correva su terra battuta.É vero che battere i wr sarà sempre più difficile ma per il criterio che chi viene dopo é avvantaggiato se un atleta non eguaglia, batte wr o neppure lo avvicina vuol dire che il detentore é più bravo. Fra Bekele e Farah ci sono 30", non 1"! Bekele è nettamente più bravo.Questo testimonia che Farah vince solo perchè gli avversari che ha non sono i migliori in assoluto. Se fossi nella federazione etiopia farei una cosa molto intelligente. Farei i trials molto tempo prima di Luglio e poi voglio vedere se Farah vince con ultimo giro gagliardo vicino ai 50''!Farah vince solo perchè in Inghilterra non ha concorrenza, non deve fare i trials mentre in Kenia ed Etiopia si devono scannare per andare alle Olimpiadi o Mondiali. Gli africani fanno la loro finali nei trials!

      Elimina
  12. I have to disagree with the above statement.
    What Farah did (winning 5000 and 10000 in consecutive WC and Olympics) is unprecedented and should be credited even if he never gets a WR.

    Don't know (and somehow don't think it matters) if Farah has the potential to beat the 10k or 5k WR as long as he keeps winning Olympics and World Championship golds.

    Not saying Farah is better than Bekele (we should not discuss this until they both retire) but IF Farah wins 2 more golds in WC (I think is unlikely) then there is no question on who had the better career

    RispondiElimina
  13. Of course the same can be said if Bekele is the first runner to run a sub 2h Marathon (or even a sub 2h01)

    History forgets the details but remember greatness.
    A sub 2h would be comparable to Bob Beamon's 50 cm improvement in Long Jump WR or Mennea's 19"72 WR

    RispondiElimina
  14. Tu put things in perspective.....think about Paula Radcliffe's WR improvement when she ran 2h15'xx in London.
    This puts her (In My Humble Opinion) on top of all time ranking between Female Marathon runner and likely as one of the top athletes all time.

    I would not call the sub 2h Marathon impossible. Unlikely but not impossible

    RispondiElimina
    Risposte
    1. I agree completelly with Ronnie.
      Specially when he wrote:
      1) we should not discuss this (if Farah is better than Bekele) until they both retire.
      2) History forgets the details but remember greatness.
      3) A sub 2h would be comparable to Bob Beamon's 50 cm improvement in Long Jump WR.

      I add that a marathon sub 2h with WR in an Olimpic race would be one of the most great event in the Sport's history.

      Elimina
  15. Io la penso come Fabio, cioè è meglio vincere che fare il tempo, infatti il sottoscritto, quando gareggiava, faceva il furbone e si cercava le garette facili, come le gare mascherato, pur di piazzarsi nelle prime posizioni ed entrare in premiazione, cosa che mi dava grande gioia...
    Chiaramente un record mondiale vale molto di più di una vittoria in un meeting prestigioso, ma tra una vittoria olimpica ed un record mondiale è molto meglio la vittoria olimpica!!
    Secondo me è impossibile scendere sotto le 2 ore in maratona, a meno che non si ricorra a sostanze dopanti o al limite, ad integratori di nuova generazione che magari non hanno ancora inventato...
    Gli integratori di prossima generazione possono essere la nuova frontiera per battere i record di atletica e portarli a livelli spaziali...oltre naturalmente al doping, doping che però, solitamente, prima o poi viene scoperto...

    RispondiElimina
  16. L'esempio Bekele vs Farah calza proprio a pennello nella discussione collaterale che è nata fra cosa è più importante se vincere medaglia o fare tempo. Ma come fate a dire che non si può decidere chi è più forte fra Farah e Bekele? Farah ha pb di 26'46''57, Bekele ha 6 prestazioni più veloci di queste!6 non una. Farah ha raccolto le sue medaglie nei 5000 e 10.000. Bekele lo surclassa nei pb 5000, 10.000 e maratona con wr,wr e seconda prestazione di sempre. Farah è più velocino nei 1500. Solo li. Uno che è almeno il più forte del suo periodo almeno dovrebbe avere il miglior pb in circolazione oltre che raccogliere le medaglie. Pure Rupp ha pb migliore.Farah che fa incetta di medaglie senza avere tempi vicini ai wr è come un atleta che vince nelle gare locali solo perchè mancano uno o più atleti.

    Dopo questa lunga digressione dico una altra cosa direttamente legata al titolo del post.
    Fare 2h in maratona credo sia relativamente più semplice di fare sub 26' nei 10.000 visto che la distanza dei 42 è più lunga e limare anche un minuscolo 1''km fa guadagnare 42''.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tommybond,
      te lo scrivo in italiano:
      non si può confrontare la carriera di due atleti finchè non si sono entrambi ritirati.
      Nello specifico stai canfrontando due MOSTRI, entrambi certamente già nell'olimpo dei più grandi di sempre. E' vero che le loro carriere si stanno incrociando, ma in due fasi molto diverse. Ne potremo riparlare tra qualche anno, ma comunque la grandezza di entrambi è indiscutibile.
      In ogni caso, dire che "Farah è come un atleta che vince nelle gare locali solo perchè mancano uno o più atleti" è oggettivamente scorretto.

      Elimina
  17. io dico solo na cosa... prendiamo ad esempio i 1500. negli ultimi 20 anni c'è stato solo UN wr e ci scommetto un testicolo che tutti ci ricordiamo chi l'ha fatto. nello stesso periodo quanti ori sono stati vinti in olimpiadi e mondiali? chi mi saprebbe recitare le litanie dei vincitori a memoria? NESSUNO.
    vedete, io sono in origine un economista, quanto più rara è una merce tanto più vale.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lucià, ma nessuno sostiene che alcune GRANDI IMPRESE cronometriche non siano indimenticabili come alcune vittorie olimpiche.
      Io sostengo che, da atleta di LIVELLO MONDIALE ASSOLUTO (attenzione: per i "tapascioni" è diverso! Anch'io da podista ho preferito fare PB in gare importanti, arrivando minuti dopo i primi, piuttosto che raccogliere salami in giro per i paesini), potendo scegliere, non avrei avuto dubbi a preferire le medaglie ai record. Se poi avessi potuto fare entrambe le cose (come i GRANDISSIMI Gebre e Bekele) meglio ancora. Pluri-Campione olimpico e primatista mondiale... merce rarirssima!

      Elimina
    2. Corsaro
      I assume you talk about 1500 mt Men.
      It is a great point.
      In fact the 2h marathon is always compared to the 4' mile....considered impossible until someone will break it

      Elimina
  18. Quando ho iniziato correre 30 anni fa, il primatista mondiale dei 10000 metri era un certo Mamede, un portoghese? Ve lo ricordate? Penso proprio di no...Io me lo ricordo perchè avevo appena iniziato a correre e perciò, come quando si inizia una nuova attività, c'è molto entusiasmo e si segue assiduamente tutto ciò che riguarda la nuova attività. Mi ricordo che il telecronista, quando parlava di Mamede, diceva: "Mamede è un perdente, può fare solo i record, ma nelle sfide uomo contro uomo perde sempre". In parole povere disprezzava Mamede perchè si faceva sotto nelle competizioni importanti come le olimpiadi o i mondiali...Comunque questo Mamede, nonostante fosse primatista mondiale dei 10000 metri, non mi risulta sia rimasto nel cuore e nella memoria della gente... invece Mo Farah, che non è mai stato primatista mondiale di niente, ma ha vinto olimpiadi e mondiali, cavolo se è rimasto nel cuore della gente!!! Quindi dico, meglio vincere olimpiadi e mondiali che detenere un record del mondo e magari cagarsi addosso quando si fanno olimpiadi e mondiali...Io, dovendo scegliere, preferirei diventare campione olimpico che primatista mondiale!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. io mamede me lo ricordo eccome, invece non ricordo chi vinse i mondiali '87.
      mi stai comparando un WR di 30 anni fa con uno che ha vinto NOVE ori OGGI!
      nove ori ovviamente valgono di più di un wr.
      ma fra UN wr e UN oro io preferirei il wr.

      Elimina
    2. Giochiamo al "cosa vale di più":
      1)Il WR di Khannouchi a Londra 2002 o l'oro di Baldini ad Atene 2004?
      2) L'oro di Bordin a Seoul 1988 o il WR di Dinsamo nello stesso anno a Rotterdam?
      3) Sei sicuro che la Radcliffe non scambierebbe il WR in maratona con almeno un oro olimpico?
      4) Sei sicuro che Asafa Powell non scambierebbe i suoi WR sui 100m con almeno un oro olimpico?

      Elimina
    3. Nine CONSECUTIVE golds

      Elimina
    4. Fabio

      Radcliffe may swap 3 major marathon wins for an Olympic gold....but not THAT marathon WR.

      Elimina
    5. Fabio
      1)Baldini. Also because Olympic Games and Marathon in Athens had a special taste
      2)Bordin
      3) Radcliffe WR may last 20-25 years. So...I guess no. She would of course exchange the earlier WR marathon win
      4) he definitely would love to

      Elimina
    6. io ho dato la MIA opinione, quello che ne pensano asafa o radcliffe è affar loro.
      e mennea? meglio il wr o l'oro olimpico?

      Elimina
    7. Mennea non vale, li ha raggiunti entrambi... e` merce rarissima ;)
      Comunque la MIA opinione in questo caso e` il mitico WR 19.72, ma stiamo parlando di qualcosa di eccezionale.

      Elimina
  19. My points (and reply to Corsaro and Tommy) is

    1. Farah has NEVER seriously tried to beat a WR in 10k or 5k. Does not seem interested to sacrifice a race or even a medal to get a WR
    2. Peaking for Olympics and WC means not a lot left for WR hunting
    3. Ayana destroyed the 10k WR in Rio. Then she had nothing left for 5k race. Farah always has to beat the top 3 Kenyans and Ethiopians in WC or Olympics. Leverages on his strenght which is impressive burst in last lap/final 600mt
    4. Bekele won (and won big) too in Olympics and WC

    RispondiElimina
  20. Exactly, Farah has never seriously tried!
    Probably he can't do WR, but maybe he has something like 26'30-26'35" in his legs
    Zedemel

    RispondiElimina
  21. Voglio riportare due affermazioni di Bekele del Maggio 2016.

    Asked if Farah had to take one of those records from him to be considered an all-time great, Bekele said: "Of course. He has achieved (a lot) with Olympics and World Championships, what he needs to take my crown (is to) break those records.

    "For those events the highest level is the record. If someone is not beating that record, you have to limit them (in the order of great runners). If you don't have that capacity to do that, and if you don't try, something will be missing."

    Link :
    http://www.dailymail.co.uk/wires/pa/article-3601276/Mo-Farah-needs-world-record-time-great--Kenenisa-Bekele.html

    Lo ha affermato Kenenisa, quindi credo che le parole del diretto interessato valgono molto di più delle mie.

    Vediamo se nel 2017 lo batteraà per davvero come ha annnunciato :

    https://www.thesun.co.uk/sport/1957953/mo-farah-aims-to-break-10000-metres-world-record-in-final-year/

    Olimpiadi+Mondiali(pista e cross) : Bekele 25 medaglie, Farah 10. Considerando tutte le competizioni ufficiali della loro carriera: Bekele 45, Farah 27. Ah, i WR li avevo dimenticati:P
    I mondiali di cross li hanno trasformati a cadenza biennale anche per colpa di Bekele.

    RispondiElimina
  22. RonnieDF, sono convinto che Farah riesce a battere i keniani e gli etiopi perchè gli africani per andare alle olimpiadi o ai mondiali devono correre al massimo delle loro possibilità o quasi nei trials. Le federazioni di Kenia ed Etiopia sono cosi ottuse da continuare a fare i trials il mese prima delle competizioni internazionali. Mah, solo io penso che debbano anticipare un pochino, un mese o inventarsi altro per mandare i migliori del loro paese nelle gare internazionali. IlCorsaro, come vedi questa mia idea anche in ottica di programmazione dei picchi di forma?

    RispondiElimina
  23. Tommy

    the schedule of Kenya and Ethiopia Trials is the typical "detail" that History will forget.

    I do not think ANY athlete would compare a Gold medal in cross WC (or an Indoor WC) to an Olympic or Summer WC.
    I would probably assume that 20 years from now these cross WC Golds will be "details" that History forgets (most people here will not agree with my comment)

    RispondiElimina
  24. And, just to be clear.....
    In case tomorrow morning BOTH Bekele and Farah retire
    I would consider Bekele a greater runner
    I would still say that Farah had a better career.

    RispondiElimina
  25. I would like your opinion on some other points

    1- If Farah gets 2 more golds in 5k and 10k at the next WC...would he be the most dominant athlete in the history of Athletics ? (my opinion: it's a toss up with Bolt)
    2- If Bekele breaks Marathon WR, would this be an unprecedented event (same guy holding WR of 5k, 10k, marathon)?

    RispondiElimina
  26. I suggest Tommy to search Haile Gebrselassie on wikipedia...

    RispondiElimina
  27. I am not sure Gebre was the 10k and 5k WR holder when he broke the Marathon WR.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. not simultaneously, but he had 26 WR on different distance including 5k, 10k and marathon.

      Elimina
  28. Ronnie, se Bekele dovesse stabilire il wr in maratona detenendo
    contemporaneamente i wr di 5, 10 e 42 km allora non avrei dubbi,
    sarebbe questo un evento unico. Neppure 20 medaglie di Mo Farah lo
    supererebbero. Quando Gebre ha stabilito il record sui 42, Bekele
    aveva in mano i wr di 5 e 10km già da 5 anni.

    Se guardiamo il valore globale di un atleta Bekele è più avanti di Gebre secondo me,di poco ma è davanti. Gebre ha un neo che si porterà dietro per sempre, ovvero non era competitivo nelle corse campestri. Per un atleta del suo calibro è una mancanza grave.Sarà perchè sfruttava di più i tendini dei muscoli. E' come un tennista che è competitivo solo su 2 o 3 delle
    4 superfici di gioco(a qualcuno per caso sta venendo in mente Sampras mentre scrivo?).
    Oggi dirò due cose che mi attireranno un pò di critiche. Secondo me guardando al valore
    complessivo dell'atleta sia Tadese che Tergat sono più forti di Farah.
    Hanno avuto la disgrazia di gareggiare nel periodo di Bekele nel caso di Tergat e
    di Gebre nel caso di Tergat, altrimenti avvrebbero vinto di più.

    SUl discorso dei finali di gara di Farah vi riporto un esempio per farvi capire che
    anche qui Bekele era nettamente più forte. Finale dei mondiali 2009.
    Qui la classifica :

    https://en.wikipedia.org/wiki/2009_World_Championships_in_Athletics_%E2%80%93_Men%27s_10,000_metres

    Vi invito a rivedere il video :
    https://www.youtube.com/watch?v=OKw7Z0PQb0Y
    Mette i brividi una cosa del genere, finire cosi veloce su un ritmo medio nettamente più veloce di quelli delle gare consuete in cui vince Farah.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Exactly my point.
      If Bekele sometimes will hold the 10k, 5k and marathon WR simultaneousy....then there is no question

      Elimina
    2. But, once again, too early to discuss Bekele and Farah career since they are both still running.

      Elimina
  29. Il caso di Bolt è nettamente diverso da quello di Mo Farah.Bolt ha collezionato 9 medaglie alle Olimpiadi,13 a Mondiali e detiene i wr di 100 e 200m spazzando via il wr di Johnson per 2 volte. Questa è la completezza di cui parlo.
    WR+Medaglie=il più forte di tutti. Senza se e senza ma. SE hai i wr e vinci una competizione,giorno della gara può mancare anche mezzo mondo ma non ci saranno dubbi su chi è il più forte.

    RispondiElimina
  30. È vero, ma i WR nel tempo sono una curva che tende ad un asintoto, per cui in futuro ci saranno grandisisimi che però non faranno record.
    Zedemel

    RispondiElimina
  31. Ronnie, hai ragione che non si può esprimere giudizio definitivo. Ma il mio giudizio fino al 17.12.2016 è questo:-)
    Se da domani in poi dovesse accadere altro di significativo riformulerò il mio giudizio includendo i nuovi eventi.

    @Zedemel : i wr tendono ad un asintoto, è vero. I grandissimi del futuro che non faranno o eguaglieranno i wr saranno grandissimi, è vero ma saranno meno bravi dei loro predecessori. Con le conoscenze scientifiche, mediche, sportive, ecc, che si accumulano chi viene dopo dovrebbe essere avvantaggiato da questo punto di vista. A meno che la specie umana non subita una calo di prestazione fisica per qualche motivo e tutte le conoscenze siano un pò inutilizzabili a pieno:-)

    RispondiElimina
  32. Questa storia di stilare classifiche all time mi ha sempre contrariato...
    http://pensieriemovimento.blogspot.it/2015/03/confronti-epocali.html?m=1

    RispondiElimina
  33. Tommy
    Don't know if you ever followed NBA basketball. I do. Still remember when Michael Jordan was "a ball hog who scores but never wins in the playoff" and Kobe Bryant was "a high volume scorer who will never win without Shaq"

    We should assess an athlete's career 5 years after retirement. Not earlier

    RispondiElimina
  34. @Tommy
    Vero ma il corpo umano è quello, a meno di lentissime evoluzioni genetiche (non è detto in senso migliorativo per lo sport). Poi dipende anche di quanto è il WR. Quello della Radcliffe è attualmente enorme. Quello di Kimetto ci sono 4-5 atleti nell'arco di 2-3 DECIMI di secondo al kilometro :-)

    @Fabio
    si ogni epoca fa storia a sé ma non si può negare che oggi lo sport sia più esasperato e competitivo e specializzato. Ad esempio per me sarebbe impossibile che oggi un merckx vincesse tutto quello che vinceva allora. Vincerebbe, ma non quasi tutto come a quei tempi.
    Zedemel

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Esatto! Merckx e` stato UN GRANDE. Punto.

      Elimina
  35. Mi prendo una pausa dallo scrivere di Bekele vs Farah vs altri:-)
    Parlerò di cose direttamente attinenti al titolo. In particolare chi potrebbe avvicinare i 120' fra gli atleti più forti in circolazione.
    Tadese ha pb in maratona di 2h10'41'', lo vedo come l'atleta fatto con lo stampino per la 21km. Credo che nulla possa portarlo a correre sotto neppure sotto i 3'km.
    Kimetto mi sembra bollito,è un periodo che non riesce a fare una decente.
    Kipsang è di nuovo in forma ma non si capisce che età abbia sinceramente. Penso sia più vicino ai 40 che ai 30. Una volta ho sentito intervista di Canova che parlava di questa cosa.
    I Mutai potrebbero sparare un colpo sotto le 2h03', ne sarebbero capaci.
    Kipchoge e Bekele i più accreditati a scendere almeno sotto 2h02'.
    Poi potrebbe saltare fuori qualche keniano o etiope giovanissimo che senza neppure fare un 10.000 in pista esordisce in maratona con un tempo stellare..

    RispondiElimina
  36. ....alla fine, si sono accorti che tira meglio se impupazzano la storia come con beatiful, to be continued :-D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ti dirò che me la sono vissuta con pochissimo pathos...

      Elimina
    2. io manco mi sono alzato per vederla; scenograficamente nulla da eccepire, sul piano marketing manco te lo dico...rimane un bel film sulla "maratona"

      Elimina