venerdì 24 giugno 2016

Alimentazione e allenamento: scacco ai lowcarbisti


   Slurp! Cari lowcarbisti e paleofissati vari, non sapete cosa vi perdete, ahah!
   Copioincollo (con sua autorizzazione) una mail di un mio master:

"Prima di dirti il risultato del medio di oggi, anche se credo di avertene fatto cenno in passato, volevo che tu sapessi che quando mi hai "preso in carico" oscillavo tra i 67 e i 68 kg (×169 cm). Oggi, dopo un regime alimentare ipocalorico a basso consumo di carboidrati, peso 61,5/62,5 Kg.
Sento però che in ipocalorica "soffro" solo nei "lavori" mentre nelle cl va tutto ok. Anzi la minore zavorra mi agevola nel tenere il passo nel lento anche oltre i tuoi canonici 18 km.
Tanto premesso, ho deciso che da oggi riprendo un'alimentazione normocalorica con regolare carico di carboidrati. Anche in vista degli allenamenti futuri che mi sembrano un tantino più impegnativi.
Oggi dovevo fare 2 x 6k di medio con rec. jog.
Dopo 30' di riscaldamento, ho fatto i primi 6 km @4.38 di media. Dopo il km jog, sono riuscito a fare solo 4 dei 6 km previsti @4.40 perché avevo finito la benzina. Me n'è rimasta così poca che non ho ultimato la distanza neanche al passo di cl."

   Regà, quando parlo lo faccio perchè ho 35 anni di esperienza: su 100 atleti che tagliano drasticamente i carbo a 99 succede questo, c'è poco da fare o da negare l'evidenza...
   Vabbè, sbagliando s'impara (si spera...), non siate troppo cattivi col mio master se no magari s'incazza e non mi paga più, ihihih!



22 commenti:

  1. Difficile conciliare prestazioni e calo di peso, contemporaneamente
    zedemel

    RispondiElimina
    Risposte
    1. a meno che uno non era molto sovrappeso...

      Elimina
  2. Mi domandavo se il tuo master ha reinserito carboidrati solo nei giorni in cui fa qualita', oppure sempre

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Da ieri, li assumerò ogni giorno. Non ha senso, allenandosi quasi ogni giorno, ciclizzare, almeno così funziona su di me.

      Elimina
    2. concordo... e ti risparmi pure sforzo cerebrale (fare calcoli, oggi sì domani no, ecc.)

      Elimina
  3. Conosco un Po' di gente che e' andata "paleo", e il loro commento, irrimediabilmente, e' "Ho perso un Sacco di peso, mi sentivo molto meglio, pero' poi a in certo punto non ce la facevo piu' a fare niente"....
    Passera' pure questa moda

    RispondiElimina
    Risposte
    1. e poi verranno altre mode... il guaio è che ci si dimentica sempre che una moda non ha funzionato, che è proprio sbagliato il concetto di affidarsi a mode "rivoluzionarie", come se i miliardi di uomini che hanno vissuto in precedenza fossero tutti coglioni. alla gente oggi manca il senso della STORIA. e dell'umiltà... 7 miliardi di scienziati.

      Elimina
    2. "alla gente oggi manca il senso della STORIA. e dell'umiltà... 7 miliardi di scienziati."
      grande Coach!!!!
      sto impazzendo con colleghi fissati con il bio, herbalife, paleo e cazzi mazzi ......

      Elimina
    3. eh... lo sai che sono anche un filosofo :)

      Elimina
  4. ...qui mi "dicono": digiuno pre competizione di endurance e carbo che fanno male xche l'insulina essendo infiammatoria...omissis....

    Ovviamente all'esame rispondo così. :-D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ah, è dottrina ufficiale?
      alcuni lowcarbisti di mia conoscenza invece si abbuffano di carbo solo pre-competizione o pre-seduta intensa...

      Elimina
  5. Si sì... On air questa info.... Il corso di fisiologia ha questa impronta. A parte gli scherzi, qui dottrinano parlando di zero carbo e digiuno. La cosa è seria...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. parlando serio: ma stai parlando del corso allenatori o cosa?

      Elimina
    2. Yes...mai parlato scherzando!

      Elimina
    3. Per costruire una casa c'è bisogno della materia prima e dell'energia, oltre agli operai e ad un buon progetto. Lo stesso vale per un corpo: serve la materia prima per costruire/riparare= proteine/amminoacidi; serve l'energia= glucosio o carboidrati da cui derivare il glucosio. Per gli operai ci possiamo affidare alle buone vecchie cellule, il progetto è descritto nel DNA. Ho semplificato, ma appare evidente che non si può far a meno di tutte le componenti per andare avanti. Semplice!

      Elimina
    4. Il concetto iniziale che portano e che l'insulina è infiammatoria e che il cibo e informazion= stress...ho ridotto tanto, ma ci hanno fatto una lezione di fisiologia.

      Elimina
    5. zio, la cosa è importante e grave... perchè non mi mandi una mail un po' più corposa, così ci faccio un articolo?

      Elimina
    6. Già avevo commentato la cosa anche con Edo. Appena finisco e torno a casa ti invio il materiale.

      Elimina
  6. Ciao, domanda: ma per che distanza ti alleni?
    Forse 68 kg per 1,69 (se non sei praticamente solo muscolo) sono un pò tantini...Io sono 184 per 66/67 e mangio tanti carbo, ahahah!!!(beh faccio anche 100/120k/w) quindi puoi dimagrire (=meno zavorra appresso) anche senza rinunciare ai carbo,bisogna sapere come fare.
    Penso che la "zona" del Corsaro sia davvero uno spunto per iniziare e da modificare in base alle tue esigenze per rendere nella corsa (leggi un vecchio post).
    Ho avuto esattamente il tuo stesso problema...guarda caso!
    Marco Lu

    RispondiElimina
    Risposte
    1. fa dai 10 ai 42. è uno molto palestrato.
      viene da lungo infortunio, sta migliorando bene, per ora lasciamolo così, se perderà peso sarà naturalmente, per effetto dell'allenamento.

      Elimina
  7. Io trovo che un pasto contenente un po' di tutto sia la soluzione migliore e quella piu sana: un piatto con riso, fagioli e carne ad esempio. Tutto quello che è drastico ed estremo lo trovo controproducente: no carbo, no grassi (buoni), piatto di quasi solo pasta ecc

    Parlando con alcuni corridori di Iten, Kenya, enfatizzavano quanto sia importante l'alimentazione e di come mangiano sano: tutti prodotti locali, del territorio circostante, non processati o artificiali: verdure di tutti i tipi, frutta, vari tipi di cereali e riso (quindi carbo), carne da animali allevati li, all'aperto, non in capannoni industriali.

    RispondiElimina